Sab. Set 21st, 2019

“Due volte in un mese” l’intervista al proprietario del negozio assaltato da quattro delinquenti. Lancia un appello al sindaco

2 min read

Claudio mi accoglie nel suo negozio stringendomi la mano e offrendomi un caloroso benvenuto. Ha ordinato due caffè mentre ancora mi presento. È gentile e cordiale. Ci si conosce di vista e gli amici in comune sono tanti. Il quartiere delle “Palazzine” che sorge a ridosso di via Terracciano è vasto ma in fin dei conti ci si conosce con tutti. Non appena però si fa cenno all’episodio di 3 giorni fa il suo sorriso si contrae e il suo volto si scurisce.

“In un mese due volte” lo ripete come un mantra. La chiacchierata viene interrotta più volte da clienti che entrano per una ricarica. Sms Phone infatti oltre la vendita di telefoni si occupa anche di ricariche e nuovi contratti. Chi passa all’esterno alza gli occhi verso la tabella luminosa e guarda nel negozio; il video dei malviventi in azione è stato visto da tantissima gente lasciando l’intera città nello sconforto più totale. Tanti i messaggi di affetto nei confronti di Claudio e di sua moglie Stefania.

Claudio è provato:

Sono preoccupato, perché se questo episodio ha toccato me due volte vuol dire che siamo allo sbando. Sembra essere tutto lecito ultimamente. Non me la prendo con l’amministrazione, ma chiedo innanzitutto da cittadino e poi da commerciante: per quanto ancora ne avremo?

La nostra categoria è in crisi, il commercio a Pomigliano è calato e se a questo dobbiamo aggiungere anche i furti, che futuro si prospetta per tutti noi? Dobbiamo chiudere? Dobbiamo emigrare?

Lancio un appello. Vorrei che tutti noi commercianti insieme ai cittadini incontrassimo il sindaco per capire cosa ne pensa e per avere delle risposte in merito.

Nella stessa notte oltre il negozio di telefoni è stata presa d’assalto anche la gioielleria di via Mazzini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: