Mar. Giu 25th, 2019

Lettera alle comunità parrocchiali sulla questione ambientale

4 min read

Carissimi, la nostra Chiesa di Nola è sempre stata attenta alle problematiche sociali del territorio. La fede deve essere continuamente coniugata con la vita e soprattutto con la vita sociale. Ricordiamo l’impegno della nostra diocesi, fin dagli inizi del suo sorgere, per l’emergenza rifiuti.

Tantissimi gli interventi, tante le denunce e gli appelli ai cittadini e particolarmente alle Istituzioni, per un impegno più puntuale e concreto da parte di tutti nella cura di questa bellissima nostra “MADRE TERRA, che il Signore ci ha donato, perché la “coltivassimo e la salvaguardassimo” dall’inquinamento, dalle discariche e dagli sversamenti dei rifiuti tossici e illeciti, gestiti dalla camorra. Ma le ecoballe sono ancora lì dove erano, da anni. A rilento e, talvolta fermo, il piano di smaltimento regionale, con uno spalleggiamento continuo di responsabilità tra Governo e Regione. Rimangono ancora un sogno le bonifiche del territorio. Il Sarno continua ad essere uno dei fiumi più inquinati al mondo. Ultimamente anche la nostra Commissione Diocesana per i Problemi sociali e lavoro e Salvaguardia del Creato, insieme ad altre Associazioni, anche laiche, ha firmato un manifesto per risvegliare le coscienze circa l’inquinamento atmosferico nel Nolano, causato dallo sforamento continuo dei valori del PM10 (polveri sottili) per il quinto anno consecutivo. In quel manifesto si richiamavano le Istituzioni regionali ad attuare, finalmente, il Piano regionale di risanamento e mantenimento della qualità dell’aria.

Gli sforamenti correnti del PM10 periodo 01/01/2019 – 15/03/2019 (Centralina ARPA – San Vitaliano – fonte: arpacampania.it/aria) sono:

n.    7 valori tra 155 e 126 (+o- il triplo del valore giornaliero consentito)

n.  15 valori tra 112 e 76 (+o- il doppio del valore giornaliero consentito)

n.  22 valori tra 70 e 52 (al di sopra del valore giornaliero consentito)

Il totale è 44 giorni di sforamenti su 74 (da inizio anno), mentre il limite è (D. Lgs. n° 155/2010):PM1O – il valore giornaliero di 50 non può essere superato più di 35 volte nell’anno.    

Avendo preso consapevolezza, come Diocesi, che il problema, invisibile (anche per disinformazione o poca attenzione da parte di tutti), non è sentito o rilevato (come la gravità della situazione meriterebbe), vogliamo richiamare tutte le comunità parrocchiali ad interessarsi per conoscere più in profondità il problema attuale, che desta grande preoccupazione. È compito di noi cristiani e di tutti gli uomini di buona volontà far comprendere il problema all’intero territorio e passare all’azione. Ne va del futuro dei nostri figli e della salute di tutti noi. Oltre a richiamare le Istituzioni, spesso latitanti, a fare sempre la loro parte, anche noi come cittadini, esercitando la cittadinanza attiva, dobbiamo e vogliamo fare quanto ci compete.

Condividiamo 10 consigli che Papa Francesco ci regala nella sua ultima enciclica Laudato si’ per curare l’ambiente in cui viviamo.

10 consigli di Papa Francesco

Dopo aver promulgato l’enciclica Laudato si’ nella quale ci invita a una “conversione ecologica”, Papa Francesco ha stabilito di celebrare il 1° settembre la Giornata mondiale di preghiera per la cura della Creato. Questa ricorrenza si celebra già nella Chiesa ortodossa, e il Papa ha deciso di includerla nella Chiesa cattolica al fine di aiutare tutti a prendere coscienza della necessità di prendersi cura del pianeta. Nella sua ultima enciclica il Papa ci ricorda che “meritano una gratitudine speciale quanti lottano con vigore per risolvere le drammatiche conseguenze del degrado ambientale nella vita dei più poveri del mondo”; poi continua dicendo: “i giovani esigono da noi un cambiamento. Essi si domandano com’è possibile che si pretenda di costruire un futuro migliore senza pensare alla crisi ambientale e alle sofferenze degli esclusi” (13). Papa Francesco si augura che tutti noi possiamo “rinnovare l’adesione personale alla propria vocazione di custodi della creazione”. Con la scelta della data, si rafforza anche la “crescente comunione” con la Chiesa ortodossa.

Condividiamo alcuni consigli concreti con i quali il Santo Padre ci invita a collaborare per proteggere e costruire la nostra casa comune. Piccoli atti che diffondono il bene nella società “al di là di quello che è possibile constatare, perché provocano in seno a questa terra un bene che tende sempre a diffondersi, a volte invisibilmente”.

▪ Riscaldamento: ci ha consigliato di coprirci di più e di evitare di accenderlo.

▪ Evitare l’uso di materiale plastico e cartaceo.

▪ Ridurre il consumo di acqua.

▪ Separare i rifiuti.

▪ Cucinare soltanto ciò che ragionevolmente si potrà mangiare.

▪ Trattare bene gli altri esseri viventi.

▪ Utilizzare il trasporto pubblico o condividere uno stesso veicolo con varie persone.

▪ Piantare alberi.

▪ Spegnere le luci inutili.

▪ Ringraziare Dio prima e dopo aver mangiato.

Confidiamo perché venga data grandissima diffusione nelle nostre parrocchie di questa lettera, per una maggiore conoscenza del problema ambientale e delle polveri sottili. Ognuno di noi deve dare l’esempio, mettendo in pratica questi semplici, ma utilissimi consigli di Papa Francesco. Sarebbe bello se parroci e operatori pastorali li utilizzassimo nelle catechesi ordinarie dei nostri gruppi e nelle celebrazioni liturgiche.

La quaresima è “tempo opportuno e favorevole” anche per la nostra conversione ecologica integrale.

 Don Aniello Tortora

Vicario per la Carità e la Giustizia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: