di Maria Rosaria Ricci

Al via la seconda edizione di #liberediessere sul territorio di Pomigliano d’Arco, per dare slancio e sostegno al 25 Novembre 2022, Giornata Mondiale per l’eliminazione della Violenza sulle donne

A Distanza di ventitré anni dalla sua istituzione, la Giornata Mondiale per l’eliminazione della Violenza sulle donne, assume un’importanza sempre più rilevante di anno in anno.
Scuotendo menti e coscienze, nell’intimità più profonda di ogni singola persona. Non a caso i molteplici fatti di cronaca legati a essi, non solo destano scalpore, ma rinnovano di volta in volta, la memoria delle sorelle Mirabal attiviste politiche massacrate per ordine del dittatore Rafael Leónidas Trujillo.
Un crimine diventato tristemente “simbolo” per modalità e il contesto in cui fu compiuto, segnando nel corso degli anni l’evidenza e l’importanza di portare alla luce fenomeni di violenza sulle donne. Identificati con il simbolo delle “Scarpette Rosse”, le stesse che da quel giorno passando nei vari organismi istituzionali Nazionali e Internazionali, fanno il giro del mondo.
Elina Chauvet artista messicana, sessantuno anni fa, disegnando le Scarpette Rosse racchiuse in esse, i femminicidi che portano nomi e volti di tante donne che subiscono violenza. Segnando con essi percorsi di tutela e di giustizia che, sono e possono essere contrastati con un’informazione mirata e attivazione di centri a supporto delle donne vittime di violenza.
Il comune di Pomigliano d’Arco unitamente al centro Antiviolenza Estia dell’Ambito Territoriale N25, presente sul territorio di Pomigliano d’Arco e Sant’Anastasia, dà il via alla seconda edizione di #liberediessere. Dedicato alla Giornata mondiale sulla violenza delle donne, con ben due importanti appuntamenti a supporto e valorizzazione alla giornata del 25 Novembre 2022.
Il primo si svolgerà alle 10, presso la Sala Consiliare, con convegno #liberediessere in collaborazione con il centro antiviolenza Estia, e la partecipazione degli alunni del Liceo Matilde Serao, che affronterà temi di aiuto e sostegno alle donne vittime di violenza.
l secondo, alle 18:30, partendo dal Viale Nilde Iotti, si terrà una marcia per ricordare tutte le donne vittime di violenza.
Insieme per un obiettivo comune: quello di azzerare la violenza attraverso un segnale forte di vicinanza, solidarietà e sensibilizzazione che possa arrivare all’intera cittadinanza.
L’uomo che usa la violenza sulle donne lo fa solo per sentirsi “Grande “, per nascondere le proprie fragilità, insensibilità e instabilità.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: