La sera dello scorso 31 maggio, i militari della Stazione Carabinieri di Pomigliano d’Arco venivano informati da due ragazzi della presenza di una Fiat Multipla di colore grigio nel traffico di Via Passariello, con a bordo quattro soggetti resosi responsabili di un furto avvenuto pochi minuti prima presso un’abitazione.

I militari, agli ordini del M.llo Maggiore Valerio Scappaticci, hanno individuato il veicolo sulla SS162 in direzione Napoli, e si son portati all’inseguimento dello stesso nel tentativo di riuscire a bloccarlo. Gli occupanti, accortisi della loro presenza, hanno cominciato ad effettuare manovre pericolose lungo la strada mettendo in pericolo l’incolumità dei cittadini, gettando dall’autovettura due bottiglie di vetro nel tentativo di colpire il veicolo dei militari, senza però riuscire nel loro intento. I fuggitivi con i militari alle calcagna hanno imboccato l’uscita di Volla-Casalnuovo per poi arrivare nel territorio di Casoria dove l’inseguimento è proseguito lungo stradine fino ad arrivare nei pressi dell’ingresso di un Campo Rom ove i malviventi, a seguito di manovra azzardata, hanno perso il controllo dell’autovettura andando a colpire un muro e danneggiando la stessa in maniera da non permettere loro la ripartenza.

Hanno abbandonato il veicolo ormai fuori uso e si son dati alla fuga inoltrandosi in una fitta vegetazione facendo perdere le loro tracce. I militari hanno dunque controllato l’autovettura abbandonata dai malviventi e hanno rinvenuto all’interno la refurtiva che successivamente è risultata essere provento di un furto in abitazione di Via Corradino in Pomigliano d’Arco, restituita poi agli aventi diritto.

I Carabinieri sono stati ringraziati pubblicamente attraverso un post sul gruppo facebook “Pomigliano Community” dai proprietari dell’abitazione. Menzione nel post per i giovani che hanno allertato i militari.