Ad aprile abbiamo raccontato la storia di Francesco, vigile del fuoco pomiglianese che si apprestava a partire alla volta della Grecia per aiutare i rifugiati di guerra nei campi profughi.

Di seguito la sua testimonianza:

Sono partito il 27 Aprile come promesso e siamo riusciti a fare cose meravigliose, anche grazie alla generosità dei pomiglianesi. Devo ringraziare pubblicamente la Polleria Tortora di Viale Alfa, per l’enorme generosità senza la quale non avremmo avuto il supporto necessario.

In una settimana siamo riusciti a dare 300 box familiari con il cibo, oltre 500 paia di scarpe ai bambini che camminavano scalzi, 90kg di medicine da banco per la medicheria del campo, riparato una sedia a rotelle e portato una donna a dare alla luce il suo bimbo, lo splendido Luis.

Oggi il campo rifugiati di Chios ospita 1691 rifugiati (sopratutto dalla Siria, Iraq e Afghanistan) che vivono in condizioni pietose.

Da metà Agosto torneremo di nuovo lì, io sarò nell’isola dal 2 al 12 settembre, sperando di portare di nuovo gli aiuti della mia Pomigliano, sempre generosa

(Per chi volesse contribuire può commentare il post di questo articolo)