04/07/2020

pomigliano LIVE

Aggiornamenti in tempo reale

Bonus Mobilità: si sale a 220 milioni e basterà lo scontrino “parlante”

Per poter usufruire del Bonus Mobilità uno dei requisiti è quello di acquistare il bene richiedendo la fattura. Lo scontrino, infatti, non è accettato. Tale documento andrà poi caricato nell’applicazione Web che il Ministero dell’Ambiente sta predisponendo ma che non andrà online, purtroppo, almeno sino alla metà del mese di luglio.
La novità, come riporta il Corriere della Sera, è che al momento dell’acquisto si potrà richiedere anche lo scontrino parlante che avrà la stessa validità, al fine del bonus, della fattura.
Questo strumento è stato introdotto nel 2007 ed è uno scontrino descrittivo, sempre rilasciato dal registratore di cassa, al cui interno sono presenti le indicazioni della natura del bene comprato e il codice fiscale dell’acquirente.
Dunque, anche questa ricevuta si potrà utilizzare per richiedere l’incentivo che permette di ottenere sino a 500 euro di sconto per l’acquisto di bici, eBike e monopattini elettrici.
Per quanto riguarda i timori del Click Day, dal Ministero dell’Ambiente arrivano ulteriori rassicurazioni. Il fondo a disposizione, infatti, è stato incrementato a 220 milioni. I soldi messi a disposizione basteranno quindi per tutti e non ci sarà bisogno di affannarsi per richiedere il bonus prima degli altri.Si tratta, dunque, di novità positive che dovrebbero rendere più semplice l’accesso agli incentivi.
Ci vorrà, comunque, ancora pazienza prima di poter effettivamente richiedere il bonus visto che sarà necessario attendere ancora qualche settimana prima che la piattaforma Web del Ministero diventi operativa.
Si ricorda che è possibile acquistare un veicolo compatibile con il Bonus Mobilità anche da un sito online di un’azienda straniera a patto che la fattura, anche in lingua inglese, abbia tutte le voci di quella italiana.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: