Di seguito la relazione di ARPAC a seguito dell’incendio sviluppatosi a partire dalle ore 14.30 del 1 luglio 2018 presso la ditta Ambiente S.p.A. in via Ponte delle Tavole, 31 in San Vitaliano.

ARPAC ha predisposto un sopralluogo con personale in reperibilità del Dipartimento di Napoli, congiuntamente a rappresentanti di: Ministero dell’Ambiente, Carabinieri di Castello di Cisterna, VV. FF. Nucleo NCBR di Caserta, Carabinieri NOE di Napoli, Comune di S. Vitaliano, ASL Napoli 3 UOPC di Nola, Ditta Ambiente S.p.A. I dati acquisiti dalle centraline di qualità dell’aria stamattina mostrano l’assenza di concentrazioni anomale nell’area in esame. I valori misurati durante l’incendio dalla rete regionale di stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria pur tutti entro i limiti di legge mostrano talora limitati incrementi delle concentrazioni di inquinanti.

In un caso particolare la presenza di fumo e domanda di ossigeno della combustione hanno causato una marcata diminuzione delle concentrazioni di ozono solo presso S. Vitaliano alle ore 15:00.
La dispersione prevalente del fumo dell’incendio e quindi anche degli inquinanti prodotti è avvenuta verso l’alto e successivamente in direzione Est durante le ore diurne del 1° luglio.

Dalla serata e nelle ore notturne del giorno successivo si è verificato un fenomeno di accumulo delle sostanze inquinanti a quote più basse, con conseguente incremento delle concentrazioni misurate dalla strumentazione al suolo pur senza il superamento dei limiti normativi.