Sono inquietanti i dettagli che emergono dalle indagini sulla morte del carabiniere Vincenzo Ottaviano e del vigilante Benigno De Gennaro, travolti e uccisi venerdì sera sulla Nola-Villa Literno, dal 26enne di Sant’Antimo alla guida della sua Golf. Dalla scatola nera è infatti emerso che la vettura viaggiasse a una velocità di 130 chilometri all’ora su una strada in cui il limite previsto è di 80 e quando il giovane si è reso conto della presenza dei due uomini sulla carreggiata, ha frenato per 18 metri ma è servito a ben poco e l’impatto è stato inevitabile. 

Inoltre esaminando il telefonino del giovane, sequestrato immediatamente dopo l’incidente, è risultato che era in atto l’utilizzo di un’app di messaggistica tra le 23.00 e le 23.07, momento coincidente con il tragico impatto e la successiva chiamata alla centrale del 118 e quella dei Vigili del fuoco. 

Le indagini, condotte dalla sezione di pg della Polizia Stradale di Nola e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, tendono a verificare se il giovane abbia non solo letto ma anche risposto ai messaggi arrivati sul suo smartphone subito prima dell’impatto. Se insomma si è distratto alla guida senza rendersi conto delle due auto dei carabinieri ferme al centro della carreggiata. 

Fonte teleclubitalia.it

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: