Ci siamo! Sabato 12 novembre alle ore 10:00 presso la sala delle Capriate nella ex distilleria di Pomigliano d’Arco alla presenza del sindaco di Pomigliano Gianluca Del Mastro, del Prof. Giovanni Buglionepresidente della fondazione officina delle culture di Pomigliano – e del dott. Fabrizio Iossa – medico dietologo-, il geom. Bruno Antignani presidente e fondatore di Antichi Borboni insieme al team di pasticcieri e cake design presenterà alla città “Pomela” il dolce simbolo della città.

Una soffice delizia di mela annurca che racchiude in se i sapori e la storia della nostra città.

Un po di storia. Si racconta che nel lontano 1735 Carlo di Borbone in viaggio verso la città di Nola, faceva sosta a Pomigliano d’Arco, accolto dalla popolazione festante, a lui furono offerte spase di fiori e frutta fresca tipicità del luogo. Nei cesti di frutta fresca c’erano sicuramente le mele annurche, infatti la provincia di Napoli era ed è famosissima per la coltivazione e produzione dell’eccellente “Annurca”.

Salvatore Cantone, storico di Pomigliano d’Arco, nei suoi “Cenni Storici” fa risalire l’origine all’età romana, allorquando un senatore, spedito sul luogo dal senato romano, quale arbitro in una controversia di confini tra Napoli e la città di Hyria, devolse alla repubblica il territorio conteso, che per questo divenne “Campo Romano”. A guardia di esso, Roma pose dei coloni, tra i quali vi erano i “Pomilii” a cui certo si deve il nome Pomigliano. Il Cantone, dunque, come del resto già Vittorio Imbriani, esclude che il nome “Pomigliano” sia di matrice spagnola pomi e llano (pianura dei pomi), come pure suggerisce lo stemma, giacché il paese è più antico della dominazione spagnola [1].

Cosa è “POMELA”? Un dolce pensiero dedicato alla città di Pomigliano, un lavoro che rasenta la perfezione del Team di Antichi Borboni, dalle idee di Bruno Antignani, alle magiche mani di Vincenzo Capuano – maestro pasticciere – ed Alla Borodaicapo Cake Design.

Dietro questo bellissimo progetto c’è anche tanta cura all’aspetto dell’alimentazione, infatti come rimarca Bruno Antignani, «nel nostro laboratorio si cura prima di tutto il benessere dei clienti, la ricerca costante di materie prime dop e doc, lo studio continuo per diminuire gli zuccheri e i grassi che tanti danni fanno al sistema metabolico, nulla è lasciato al caso, ogni creazione viene curata a 360°». Una gioia quindi non solo per gli occhi ed il palato ma per tutto il corpo. 

Pomela con il suo gusto delicato e suadente, conquista subito chi la prova (chi vi scrive vi da conferma, ndr.), un dolce camaleontico che in base alle stagioni può essere gustato come semifreddo, classico mignon oppure come dessert. Provare per credere!

Complimenti dunque ad Antichi Borboni, un laboratorio che somiglia sempre più ad una Patisserie francese distinguendosi per la qualità e bellezza dei suoi prodotti. Chi fa visita ad Antichi Borboni resta anche affascinato dalla gentilezza del personale, un luogo dove si trascorrono con piacere minuti di vero godimento tra una tazza di cioccolata calda, una di fiori di te oppure una tra le tante tisane che il laboratorio propone, accompagnate da favolosa pasta di mandorla siciliana e da tante altre specialità.

Antichi Borboni una splendida realtà cittadina, che con questa brillante idea rafforzerà sicuramente il legame tra i cittadini e la nostra amata Pomigliano; si trova in via Michelangelo 19 a Pomigliano d’Arco.

 

[1] wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Pomigliano_d%27Arco

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: