29/10/2020

pomigliano LIVE

Aggiornamenti in tempo reale

TARGHE ALTERNE A POMIGLIANO, ARRIVA LA NOTA DI AICAST

L’ordinanza “Targhe Alterne” in vigore da ormai una settimana a Pomigliano d’Arco, ha scatenato reazioni di ogni tipo tra i cittadini e soprattutto tra i commercianti.  Serpeggia tra loro infatti molta preoccupazione per questo provvedimento visto che i clienti hanno difficoltà a raggiungere gli esercizi commerciali.

AICAST, l’associazione di categoria che rappresenta una parte dei commercianti di Pomigliano, la scorsa settimana ha incontrato con una sua delegazione, il primo cittadino nella casa comunale, ed ha ascoltato le motivazioni che hanno indotto il sindaco Lello Russo a prendere questo drastico provvedimento.

Dunque questo pomeriggio sulla pagina AICAST è apparso un comunicato che riportiamo di seguito:

AICAST informa: Nessuno tra i commercianti, possedendo un’attività aperta al pubblico, può essere contento di un provvedimento che impedisce al pubblico stesso di raggiungere il proprio esercizio.

Le targhe alterne hanno PREOCCUPATO i commercianti, che hanno così chiesto e ottenuto una serie di incontri con l’amministrazione per chiedere spiegazioni e palesare il proprio malcontento.

L’amministrazione ha SPIEGATO i motivi del provvedimento mostrando i dati preoccupanti di ARPAC ed ha illustrato la linea che intende seguire in merito, non potendo escludere nulla in materia di tutela della salute. Un commerciante è anche un cittadino ed un genitore; e con coscienza non può opporsi ai tentativi di rendere migliore l’aria che respiriamo.

Certi che nessuno da parte dell’amministrazione voglia ledere volontariamente la categoria e forti di un dialogo continuo e proficuo, è stato fissato un nuovo appuntamento tra pochi giorni, con la PROMESSA di provare a realizzare ogni tipo di intervento possibile a breve, medio e lungo termine affinché il provvedimento delle targhe alterne possa essere prima ridimensionato e poi ELIMINATO, così da evitare di incidere negativamente su una situazione, quella del commercio, che si presenta già complessa e preoccupante.

Restiamo in attesa del prossimo incontro FIDUCIOSI dell’impegno promesso.

Consigliamo, infine, ai commercianti di decidere di farsi rappresentare con fiducia da un’associazione di categoria, che per sua natura è preposta ad avere RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI, fornendo supporto, servizi e informazioni ; amplificando la voce del commerciante stesso, rafforzandola con le competenze e l’esperienza acquisita in materia di rappresentanza, mediazione, normative e tutela; e avvalendosi di VERI esperti e professionisti negli ambiti più disparati, evitando le organizzazioni improvvisate e cattive informazioni che possono danneggiare una categoria già ampiamente bistrattata e poco tutelata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: